GitHub-Microsoft: nulla osta incondizionato da parte dell'UE | Ufficiale

19 Ottobre 2018 69

Aggiornamento 19/10:

Come previsto, la Commissione Europea si è espressa definitivamente a favore dell'acquisizione di GitHub da parte di Microsoft. Così si legge nel comunicato pubblicato sul sito ufficiale:

La Commissione ha riscontrato che l'unione delle attività di Microsoft e GitHub sui mercati non solleva preoccupazioni dal punto di vista della concorrenza perché l'entità risultante dalla fusione continuerebbe ad affrontare una concorrenza significativa da parte di altri attori su entrambi i mercati.

Articolo originale - 8 ottobre

L'Unione Europea darà il suo nulla osta per l'acquisizione di GitHub da parte di Microsoft senza porre condizioni particolari, raccontano due fonti anonime di Reuters, a quanto pare bene informate. La decisione dovrebbe essere resa pubblica il 19 ottobre, stando a indiscrezioni sempre provenienti dallo stesso organo stampa.

L'annuncio dell'affare risale a giugno, con il suo valore di 7,5 miliardi di dollari è l'acquisizione più importante portata avanti da Redmond da quella di LinkedIn risalente ad un paio di anni fa. Con GitHub, una delle più grandi piattaforme di sviluppo software al mondo, Microsoft punta a rafforzare la propria divisione cloud e sfidare così il leader di mercato, Amazon Web Services.

Microsoft non era l'unica azienda interessata all'acquisto: in corsa c'era anche Google (naturalmente la divisione Cloud). Alla fine l'ha spuntata Microsoft perché, secondo fonti interne, gli amministratori delegati delle due società si conoscevano già.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 546 euro oppure da ePrice a 634 euro.

69

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
Federico

Tu non hai spiegato proprio niente

kong

No, è source available, open source è un altra cosa, come ti ho già spiegato con argomentazioni più che solide che affondano le radici fin nel materiale messo a disposizione direttamente dai curatori della licenza che tu usi.

Federico

Si che è open source.
Stiamo parlando di open source ossia di codice sorgente liberamente consultabile e non di free software che invece caratterizza il codice liberamente consultabile, modificabile e riutilizzabile.
Tutte le licenza GNU sono contemporaneamente open source e free software, questa è solo open source.
Ma è comunque open source.

kong

vedi sotto, è inutile portare avanti la stessa discussione su due fronti diversi

kong

qualche messaggio fa mi hai accusato di fare confusione tra codice aperto e codice libero, io ti sto dimostrando che in realtà sei tu che chiami una cosa con un nome sbagliato

che qualcuno pubblichi dei sorgenti con questa licenza è un fatto che non ho messo in discussione
che quella licenza sia open source è falso

Federico

Non capisco dove vuoi arrivare.
Questa è una licenza Open Source più che valido non adottata solo da me ma anche dalle più grandi software house del pianeta.

Federico

Embè???

kong

vedi parte del commento sotto che riporto in questo

per essere open source il codice deve essere redistribuibile anche in forma modificata
la CC BY-NC-ND è la più restrittiva tra le creative commons e non è open source
kong

ma almeno li leggi i messaggi?
nel caso tu li legga, sei sicuro di prenderti il giusto tempo per capire cosa c'è scritto?
non dovrebbe servirne molto dato che hai la mente sana

per essere open source il codice deve essere redistribuibile anche in forma modificata
la CC BY-NC-ND è la più restrittiva tra le creative commons e non è open source

Federico

Apri Google e cerca CC BY-NC-ND, se sei capace di leggere sciocchezze da Wikipedia dovresti essere in grado di fare anche questo (anzi, in generale dovresti conoscere le varie licenze Creative Commons prima di impegolarti in una simile discussione).

kong

puoi passarmi i link ai tuoi repository?
sono curioso di vedere come scrive il codice una mente sana, così posso usarlo come cartina tornasole per capire l'effettivo stato della mia.

ah, un piccolo OT visto che hai tirato fuori l'argomento, tutti i fantastici imprenditori di destra che non sanno gestire le proprie imprese e falliscono miseramente sono comunque sani giusto?
e quelli che riescono a tenere in piedi la baracca sfruttando i dipendenti?
quelli che prendono contributi e se li intascano invece di usarli correttamente?

Federico

Ne ha molta invece, è solo tempo buttato parlare di impresa e generazione del profitto con chi ha una mente non sana.

Federico

Ma la fonte di cosa santa pazienza???
Vai sul sito Creative Commons e leggiti i termini della licenza che ti ho riportato.

kong

le affermazioni in una discussione sana sono supportate da argomenti e gli argomenti devono essere provati, il primo elemento su cui ci si basa per giudicare un argomento è la fonte

le tue affermazioni, in mancanza di riferimenti a fonti esterne che non hai portato, sono supportate solo da se stesse e dalla tua autoreferenziale professionalità
i.e. sono spazzatura

kong

cosa io sono o non sono non è pertinente ai fini di questa discussione

ad ogni modo, anche questa uscita ti qualifica

Federico

Sai... ho come l'impressione che tu sia uno skifido sinistride.

Federico

Ma che significa non sono supportate?
Da chi non sono supportate?
Gran parte del codice open prodotto dalle software house del pianeta è rilasciato con licenza Creative Commons.

Certo che faccio profitto con l'open source, esporre il mio codice rappresenta una vetrina ma poi le aziende pagano per usarlo nei prodotti commerciali... altrimenti che senso avrebbe scriverlo?
Conosco molta gente che scrive codice GNU... tutti poveri in canna.

kong

quindi contro le tue affermazioni errate che distorcono la realtà sulle licenze creative commons e sull'ambiente open source non posso citare né materiale ufficiale creative commons, né materiale ufficiale osi

il profitto si può fare anche con prodotti open source, se tu non sai come fare sono fatti tuoi, ma non per questo devi dire stronzate

sei ridicolo

Federico

Può citare quello che ti pare, ma a differenza tua chi ha scritto la loro BY-NC-ND aveva come riferimento gli sviluppatori professionisti e le software house piuttosto che i ridicoli esaltati del free software.
Tutto il codice da me reso di pubblico dominio è stato, e sempre sarà, coperto dalla CC NY-NC-ND.
Il lavoro deve sempre generare un profitto, altrimenti non ha senso farlo.

kong

facile puntare il dito contro Wikipedia, ma sulla prima citazione tratta dal sito dell'OSI invece hai qualcosa da dire?
è l'ennesima volta che ignori le cose a cui non sai controbattere

Creative Commons non sono pensate per il software e tanto meno sono open source.
Tanto che nelle FAQ del sito Creative Commons è scritto questo

Can I apply a Creative Commons license to software?
We recommend against using Creative Commons licenses for software. Instead, we strongly encourage you to use one of the very good software licenses which are already available. We recommend considering licenses made available by the Free Software Foundation or listed as “open source” by the Open Source Initiative.


toh anche Creative Commons cita l'Open Source Initiative (OSI) dal cui sito ho citato nel messaggio precedente la definizione di Open Source che tu hai completamente ignorato

Federico

Forse se tu guardassi un po' meno Wikipedia e un po' più le licenze Creative Commons riusciresti ad afferrare meglio il concetto.

Federico

Nono, tutto codice aperto ma non di libero utilizzo, per fini commerciali si paga.
A me va benissimo regalare codice a chi lo utilizza per scopi propri o didattici, ma non a chi lo impiega per generare un profitto.

Ma quali sono le spiegazioni inaccettabili???
Non esistono falle in quello che ho scritto.

A me non pare che fra noi due possa esistere dialogo.

kong
Confondi il codice aperto con il codice libero, sono due cose totalmente diverse.


bah, a me sembra sia tu a confondere open source con source available.
nella discussione ho sempre usato la locuzione codice aperto, i.e. open source.
se il codice nei repository che hai deciso di spostare non è open source avresti anche potuto specificarlo invece di glissare.
ad ogni modo, anche se il tuo codice non è open (lo è o no?), gli innumerevoli esempi di aziende che distribuiscono codice con licenze open, invalidano la tua prima affermazione assolutistica.

Il perché non mi è più andato bene (ed immagino sia lo stesso per le tantissime aziende migrate su GutLab) te l'ho già spiegato per ben due volte, non mi pare il caso di ripetere per la terza volta.


ma se dai spiegazioni inaccettabili non puoi dare la colpa a me perché ne evidenzio le falle.
avresti potuto rispondere alle obiezioni che ho posto piuttosto che ripetere la stessa spiegazione inutile, rendendo questa una discussione costruttiva invece che una a senso unico

almeno con l'ultima risposta hai abbassato un po' la cresta e sei passato a dire che il motivo che hai esposto in precedenza è solo il tuo e che immagini sia condiviso anche da altri invece di continuare a proiettare te stesso sugli altri

Federico

Confondi il codice aperto con il codice libero, sono due cose totalmente diverse.

Il perché non mi è più andato bene (ed immagino sia lo stesso per le tantissime aziende migrate su GutLab) te l'ho già spiegato per ben due volte, non mi pare il caso di ripetere per la terza volta.

Addio.

kong

sei abituato ad essere pagato dai committenti, non da qualsiasi azienda tragga effettivamente profitto dal tuo codice (direttamente o indirettamente non cambia)

se tu rilasci del codice aperto ed un'azienda lo integra in un suo prodotto, l'azienda ne trae profitto senza pagare nulla a te

e dato che queste cose accadono abbastanza di frequente, la tua stupida affermazione nessun professionista o azienda accetteranno mai che la propria opera siano parte della valutazione commerciale di un asset senza una contropartita è invalidata anche da questo argomento

inoltre, qualsiasi azienda fornisca un servizio che tu decidi di usare come host per i tuoi repository trae vantaggio dal fatto che tu sei un suo utente, microsoft o non microsoft
quindi, perché prima ti andava bene e ora non più?

per quanto riguarda l'abbandono di github vedremo come continuerà, è ancora presto per trarre conclusioni

Rick Deckard®

Va beh ma cosa importa di Azure?

Federico

Ovviamente (e lo avevo detto sopra) mi riferivo alla quota parte di ciascun contributore.
Non è che io me la smeni, semplicemente sono abituato ad essere pagato dalle aziende che traggono profitto dal mio codice.
Il fatto che il profitto sia diretto o indiretto è del tutto irrilevante.

Alla velocità di chiusura dei repository che c'è dall'inizio dell'estate il valore dell'asset è già di molto inferiore, quando Google ed Apple chiuderanno i loro repository esso sarà nullo.

Matteo

Anche se l'avessero fatto per puro idealismo, perché mai dovrebbero essere ignoranti?
Microsoft sta cercando di farsi amare dagli sviluppatori investendo nell'Open Source ma è difficile dimenticare la vecchia Ms eh.
Il discorso di Federico comunque ci sta tutto, se non lo capite non è lui ad avere problemi. Si tratta di capirlo, non di condividerlo.

kong

nessun professionista o azienda accetteranno mai che la propria opera siano parte della valutazione commerciale di un asset senza una contropartita

1/ effettivamente sono rimasti solo repository di sviluppatori amatoriali su GitHub giusto?

2/ il valore dell'asset con cui la smeni tanto non è dato dal tuo codice, ma dalle dalle sottoscrizioni al servizio
non è come su YouTube che attira utenti tramite i contenuti, su GitHub gli utenti si iscrivono (e pagano) perché è un servizio che gli è utile

Federico

A me sembra che la mia risposta sia stata più che esauriente: nessun professionista o azienda accetteranno mai che la propria opera siano parte della valutazione commerciale di un asset senza una contropartita.
Se poi non lo capisci non so come altro spiegartelo.

kong

continui a non rispondere e non capisco perché (anche se mezza idea ce l'ho).

MattGeek

Speriamo che Microsoft non faccia porcate con GitHub e lo lasci così com'è.

boosook

No, lobbying. E ricordiamo il caso di Monaco dove, contestualmente all'apertura di una sede Microsoft con oltre mille posti di lavoro, l'amministrazione comunale tornò indietro sulla sua decisione di usare linux per tornare a Microsoft. Diciamo che in Microsoft questo lavoro lo sanno fare meglio rispetto a Google.

boosook

Lol, però è vero.

Federico

Mi pare di aver detto che sotto il profilo legale non c'è nulla da obiettare, no?

Però per me l'informatica non è gioco ma lavoro, non accetto che mio codice venga valutato nel calcolo del valore di un asset senza trarne a mia volta un beneficio.

kong

Io ho pazienza, ma tu non hai risposto alla mia domanda.
Forse mi sfugge qualcosa e ti sarei grato se mi aiutassi a capire.

Di che correttezza stai parlando?
Come se i clienti di una società di servizi (che ne so, tipo una compagnia aerea o un web host) volessero un riconoscimento economico nel caso in cui la società che gli eroga il servizio venisse ceduta.
A me sembra una cosa folle, non corretta.

Non capisco nemmeno il discorso sulla disponibilità commerciale del codice, non dipende dalla licenza con cui viene pubblicato?

Ed infine, visto che lo ripeti, perché gli autori andavano retribuiti?

Federico

Abbi pazienza Kong, questo asset è stato ceduto assegnandogli un valore di mercato in base ai suoi contenuti.
Nulla a che ridire, ci mancherebbe... si tratta di una operazione commerciale all'ordine del giorno.
Però correttezza avrebbe voluto che ai creatori dei contenuti in base ai quali l'asset è stato valutato venisse pagata una quota parte dal valore della transazione.
Non andava chiesto alcun permesso come esaltati del free software avrebbero preteso, bada bene, perchè la disponibilità commerciale del codice era già implicita con l'accettazione delle regole, ma gli autori andavano retribuiti.

kong

In che modo il codice aperto, contenuto nei repository che avete rimosso sarebbe stato un vantaggio solo per Microsoft?

~benzo

11\||||!!!!|"|!!|1@àò|!ç\1\l§!\ oh!

Simone

Si sospettavo da come ne parlavi.

Ovvio lì ci si basa sulla piena condivisione

Magho

Per forza MICROSOFT HA APPENA pagato l'UE

SteDS

Tecnicamente è condivisione anche quella solo che gli utenti fanno parte della stessa azienda o gruppo di aziende. Comunque il mio commento era riferito al servizio primario (è nato per quello) e più diffuso di GitHub ovvero quello di host di codice open source.

Federico

Molto semplicemente, se io pubblico del codice esso non deve poi favorire, in un modo o in un altro, una singola grande azienda ma deve essere genericamente a vantaggio della collettività.
Se una singola grande azienda vuole il mio codice per aumentare il valore del proprio asset, nessun problema, è il mio lavoro.
Mi scrive una offerta e poi sta a me decidere se accettarla.

Niente soldi, via il repository

Simone

Se consideriamo la parte open source...

Ma io mi riferisco per l'appunto alla parte enterprise

Federico

Vedono?
E quando mai ho scritto qualcosa riguardo al farlo vedere???

Simone

"offrire"
"Vantaggio"

Non colgo il significato di questi termini enon capisco cosa vuoi vuoi dire.

Detto questo, ritengo l'operazione molto sensata, e comprendo anche perché altrebazialtr avevano lo stesso intento

SteDS

Si condividere il materiale caricato dagli utenti, intendo il codice open. GitHub è proprio una piattaforma di condivisione

Simone

E ovvio che non li ha altrimenti importanti aziende di troverebbero in gravi problemi.

"condividere" non credo proprio, se condividessero tutti i dati provati sarebbe un vero casino

SteDS

"Che poi mi immagino già i dati di Google nelle mani di Microsoft ahahah"

Non cambia niente, il codice open è già nelle mani di TUTTI e così resterà

Luca Lindholm

Ma se il codice che avete è Open Source, quale sarebbe il problema se altri lo vedono??

-.-

HDblog @ Computex 2018: live blog continuo dalla fiera

Tutte le novità di Windows 10 1803 "April 2018 Update"

Guida Acquisto: i migliori Notebook, Ultrabook e 2-in-1 | #NATALE 2017

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile: tutte le novità