Microsoft vuol ridurre le emissioni di CO2 del 75% entro il 2030

14 Novembre 2017 25

Microsoft ha annunciato l'intenzione di contribuire al raggiungimento dell'obiettivo fissato dall'Accordo di Parigi sul clima, nonostante gli Stati Uniti siano l'unica nazione al mondo a non farne parte.

Per fare ciò, la società di Redmond punta a ridurre del 75% le sue emissioni di CO2 entro il 2030 e, tra le varie iniziative, figura anche l'intenzione di alimentare al 100% il suo campus Puget Sound con energie rinnovabili. L'Accordo di Parigi si pone l'obiettivo di contenere l'aumento della temperatura globale entro i 2 gradi celsius.

Microsoft ha aggiunto:

Man mano che la nostra infrastruttura cloud globale si espande, ci rivolgiamo sempre più alle energie rinnovabili, dal momento che si tratta di energia pulita e ci offre una maggiore prevedibilità finanziaria (probabilmente riferito alla bassa fluttuazione del prezzo). Questo è un bene per l'ambiente, i nostri clienti e il nostro business. I nostri programmi basati sul cloud per la riduzione del consumo di risorse ci hanno già permesso di abbattere i consumi energetici del 20% nel nostro campus principale di Redmond, diminuendo sia le emissioni che il conto energia.

Il top gamma di piccole dimensioni per eccellenza. la scelta obbligata per un Android tascabile? Sony Xperia XZ1 Compact, in offerta oggi da Tecnosell a 338 euro oppure da Amazon a 383 euro.

25

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
matteo

quello che sto dicendo è che se tutti (utopico ma pian piano le cose possono cambiare) si impegnano a stipulare contratti con fornitori green al 100%, assumendo (erroneamente) che con il rinnovabile si possa soddisfare il fabbisogno totale allora il mercato dell'offerta si sbilancerebbe verso il rinnovabile a discapito delle fonti non. A quel punto se prima c'era 1 elettrone su 100 green, adesso ce ne saranno 10, domani 20, dopodomani 50. Se nessuno fa niente perché tanto nella c'è energia proveniente da ogni fonte allora non cambierà mai nulla.

Alex Neko

Come ha scritto Dr. non e' possibile discriminare gli elettroni.
Quindi anche se firmi con una azienda che dice che fa energia con il solare per esempio, il prelevamento e' sempre dalla rete in cui confluiscono tutti gli elettroni.

Più semplice: vuoi acqua marina, ma vuoi che sia del fiume po. ma nell'Adriatico, il mare e' alimentato da 1000 fiumi, dalla neve e dalla pioggia, come puoi discriminare che le molecole d'acqua siano solo di provenienza del Po?

SirMau

Ho i miei dubbi

matteo

ma ben venga che lo facciano, se tutte le aziende firmassero solo con gestori green gli elettroni di cui parli diventerebbero in numero sempre più green

Massi91

Magari installano sui tetti dell'edificio pannelli solari.. nell'apple campus non credo sia difficile portare all'autosufficienza in questa maniera

Daniel Ocean

Credo tu abbia vinto tutto, per oggi posso chiudere l'internet

Florekx

Sono morto ahahahah

Dr. Freudstein

A parte il delirio di onnipotenza di voler controllare la temperatura del pianeta Terra, in genere come fanno le aziende della Silicon Valley a

mruser2

Direi che con il successo dei Lumia ci stia già riuscendo

Sungfive52

Verissimo.

Riccardo

beh sarà imposto, altrimenti sono dei polli

Cesoia

DA INCORNICIARE :-D

Andrej Peribar

In realtà se ti riferisci alla componente A3 dovrebbe essere "rinnovabili e assimilate"

Hanno introdotto quella parolina perchè sono considerati impianti alimentati da fonti assimilate quelli di cogenerazione (cioè la produzione combinata di energia elettrica e calore), quelli che utilizzano forme di energia recuperabile in processi e impianti produttivi; quelli che usano gli scarti di lavorazione e/o di processi e quelli che utilizzano fonti fossili prodotte solo da piccoli giacimenti isolati

Simplyme

Considera che stanno aumentando anche i fornitori di energia 100% green che però la comprano all'ingrosso, quindi può darsi che l'enel produca più corrente rinnovabile ma la venda a questi fornitori, quello che conta è il mix nazionale

Simone

La prima parte è vera, la seconda è forte :)

Simone

Mi sembra tanto una cosa anti marketing, non credo sia imposto dalla legge, perché scriverlo?

Simone

Per gas naturale spesso intendono anche il petrolio estratto...

Che fornitore hai?(se posso)

CAIO MARIOZ

sulla bolletta del gas invece ho visto una impennata del gas naturale, non so se è un valore reale o semplicemente marketing XD

Staffworld

Effettivamente! Dovrebbero dare uno slancio con l'addio al carbone.

GianlucaA

Il grosso problema dell'italia è che dal vajont in poi abbiamo accantonato l'idroelettrico quando prima soddisfava gran parte del fabbisogno nazionale.

Riccardo

probabilimente la domanda è aumentata ma le infrastrutture sono rimaste le stesse

Simone

Quando mi arriva la bolletta Enel sul retro c'è scritto:
"Come produciamo la nostra energia"

2015: "50.1% rinnovabile" 2016:"48.3% rinnovabile" 2017(gennaio-ottobre):"47.0% rinnovabile"

Ahahah

GianlucaA

Lo fa solo per tonaconto: da microsoft si son spaventati tutti quando hanno sentito che se continuiamo ad inquinare così dovremo tenere le "windows" chiuse.

Aster

Magari.

StriderWhite

Intanto ha ridotto le emissioni di smartphone del 100%, mica male!!

HDblog @ Computex 2018: live blog continuo dalla fiera

Tutte le novità di Windows 10 1803 "April 2018 Update"

Guida Acquisto: i migliori Notebook, Ultrabook e 2-in-1 | #NATALE 2017

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile: tutte le novità