Microsoft entra a far parte della Open Source Initiative come Premium Sponsor

27 Settembre 2017 14

Non è certo un mistero che Microsoft e il software open-source, in particolare Linux, abbiano avuto le loro antipatie reciproche per tanti anni. Così come è ben noto il riavvicinamento di questi ultimi anni, frutto principalmente di un ammorbidimento delle posizioni della dirigenza di Redmond: le prime avvisaglie si sono viste verso la fine dell'era Steve Ballmer, e con Satya Nadella gli sforzi sono incrementati nettamente.

Oggi abbiamo addirittura un sottosistema Linux in Windows 10, che permette di eseguire BASH e altri software di sviluppo open-source. E da circa un anno Microsoft è un Platinum Member della Linux Foundation, niente meno.

Questo cambio di rotta non è certo frutto di un capriccio da parte di Microsoft. Nel mondo del cloud computing e dell'intelligenza artificiale, due settori chiave per la Microsoft del futuro, il software open-source è una componente fondamentale.

Poche ore fa la società ha compiuto un altro grande passo di avvicinamento, ed è entrata finalmente a far parte della Open-Source Initiative in qualità di Premium Sponsor.


La OSI è una delle principali associazioni dedicate a promuovere il software libero, e i rapporti di collaborazione con Microsoft risalgono al lontano 2005. Nella sua nota di benvenuto, l'associazione ha lodato i recenti progressi compiuti da Microsoft in questo settore.

La società è uno dei principali contributori a progetti open-source su GitHub (anch'esso sponsor dell'OSI); ha portato BASH/Linux su Windows 10; ha espanso il suo supporto per Linux su Azure; ha collaborato con la FreeBSD Foundation, socia dell'OSI, per supportare il sistema operativo su Azure; è entrata a far parte della Linux Foundation, socia dell'OSI, e molte delle sue fondazioni e progetti. In aggiunta, Microsoft lavora fianco a fianco con società come Canonical, Red Hat, SUSE, e software open-source si trova in molti prodotti Microsoft.

Dal canto suo, Microsoft riconosce l'importanza non solo del software libero, ma della OSI stessa. Dice Jeff McAffer, responsabile delle iniziative open-source della società:

Il lavoro che fa la Open Source Initiative è vitale per l'evoluzione del software open-source in quanto elemento di primaria importanza nell'industria del software. E mentre Microsoft si impegna nel settore sempre più ampiamente e profondamente, siamo entusiasti di supportare gli sforzi della Open Source Initiative.

L'iPhone più potente di sempre con il design più classico di sempre? Apple iPhone 8, in offerta oggi da Phone Strike Shop a 572 euro oppure da Media World a 619 euro.

14

Commenti

Regolamento Commentando dichiaro di aver letto il regolamento e di essere a conoscenza delle informazioni e norme che regolano le discussioni sul sito. Clicca per info.
Caricamento in corso. Per commentare attendere...
ale

È alla fine quello che MS vuole fare, secondo te hanno cambiato modello di business ? No, ideologicamente non condividono ancora la filosofia del free software (e non la condivideranno mai), semplicemente sfruttano l'open source dove gli fa comodo.

Anche se guardi parlano sempre di open source, non hanno mai detto free software. Non è solo una questione di parole, open source indica solo un modello di sviluppo, free software indica tutta una filosofia che mira a garantire all'utente 4 libertà fondamentali nell'uso di un sistema informatico (di cui l'accesso ai codici sorgente è solo una delle 4)

Paolo La Manna

Il lupo perde il pelo, ma non il vizio. Sento odore di "Abbraccia, estendi e estingui" (fonte: Wikipedia, Halloween Documents)!

ErCipolla

Mmmm, a me pare che con .NET stiano spingendo sempre più verso il multipiattaforma e multiOS... da sviluppatore principalmente su Win ti posso dire che l'ultimo Visual Studio quando crei un nuovo progetto tende a proporti l'uso dei nuovi template (NetCore) compatibili con lin/mac e open source.

Secondo me sei troppo pessimista, questa teoria della "honeypot" non la vedo molto...

Marco Semeraro

Era questione di tempo

ale

Semplicemente ora MS sta di fatto sfruttando l'open source dove gli fa comodo, per aumentare di fatto ancora di più i propri profitti.

Dal punto di vista dell'open source (o meglio free software, che sono due cose completamente diverse dal punto di vista ideologico) era meglio che MS di fatto non entrasse se vogliamo, l'avere il WSL è alla fine un modo per spingere la gente a non usare Linux e il software open alla fine, si sono detti, se facciamo girare gli stessi software di Linux su Windows, ci accaparriamo tutta l'utenza di chi usa Linux non per una questione ideologica ma semplicemente perché gli servono dei tool non presenti su Windows.

Andrej Peribar

oltre al fatto che sarebbe da commentare con un lapidario
... cantinari ...

Raiden

Per chi come me ha vissuto in pieno la guerra tra la grande M e il mondo open source degli anni 90, tutto questo sembra fantascienza!

Aster

Ottimo

M.N.C.

(F5) https://uploads.disquscdn.c...

Aldo Cammara

Perché se io posso cambiare anche voi potete cambiare!!! Adriana dove sei?????

lore_rock

É proprio vero, il mondo gira al contrario.

-|benzo|-

lol bellissimo :D

Vinx

uhm....

Chase (2°ban)

watch?v=Vhh_GeBPOhs

HDblog @ Computex 2018: live blog continuo dalla fiera

Tutte le novità di Windows 10 1803 "April 2018 Update"

Guida Acquisto: i migliori Notebook, Ultrabook e 2-in-1 | #NATALE 2017

Windows 10 1709 Fall Creators Update disponibile: tutte le novità